Secondo un annuncio sul proprio sito ufficiale, Il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, anche sì conosciuto come UNICEF, avrebbe annunciato di accettare e distribuire donazioni anche nelle valute digitali Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH).

Il nuovo fondo di valute digitali

Secondo quanto riportato dall’annuncio ufficiale, poi ripreso anche da numerose testate giornalistiche di tutto il mondo compreso l’inglese The Guardian, la principale organizzazione umanitaria delle Nazioni Unite, l’UNICEF, inizierà a ricevere e distribuire donazioni in valuta digitale.

La nuova iniziativa prevede la creazione del “UNICEF Cryptocurrency Fund”, un vero e proprio fondo di criptovalute che verrà dedicato a finanziare tecnologie open-source che possano giovare ai bambini e adolescenti di tutto il mondo.

 

https://twitter.com/UNICEFmedia/status/1181746819321225216

 

Henrietta Fore, direttrice esecutiva di Unicef, ha sottolineato l’importanza dell’economia digitale per il futuro delle nuove generazioni e ha riconosciuto la necessità di esplorare le nuove opportunità create dalle nuove valute digitali. L’UNICEF Cryptocurrency Fund può sicuramente essere considerato un passo significativo nello sviluppo degli sforzi umanitari.

I vantaggi

La nascita del nuovo fondo non è certo un caso in quanto le nuove valute digitali si prestano particolarmente bene a servire la causa umanitaria di un’organizzazione sovranazionale come l’UNICEF. L’utilizzo di Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) offre infatti numerosi vantaggi alle organizzazioni no-profit, una su tutte quella di bypassare le costose commissioni di intermediazione che di solito caratterizzano gli scambi di valuta estera.

Inoltre, l’adozione di valute digitali rende il processo di donazione più semplice e veloce. Chi vorrà donare valore economico alla organizzazione in questione, non dovrà sottoporsi ad alcuna procedura iniziale ma dovrà inviare una transazione direttamente all’indirizzo indicato. Il processo diventa perciò tanto semplice quanto mandare una mail. In aggiunta, i fondi arriverebbero al destinatario in pochissimi minuti e sarebbero disponibili per essere spostati dall’organizzazione con la medesima facilità.

Le valute digitali consentono anche una maggiore sorveglianza da parte dei donatori sull’effettivo utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni. Utilizzando blockchain pubbliche e decentralizzate, i donatori avranno uno strumento trasparente per verificare come effettivamente sono stati spesi i fondi da parte dell’organizzazione.

Le criptovalute e le organizzazioni no-profit

Il primo contributo al fondo UNICEF è stato ricevuto da parte della Ethereum Foundation che ha donato 100 ethers, pari a circa €16’600.

Unicef non è l’unica organizzazione no-profit ad accettare donazioni in criptovaluta, ma si unisce a un gruppo di organizzazioni umanitarie che include: Save The Children, la Croce Rossa Americana (American Red Cross), il World Food Programme delle Nazioni Unite, The Water Project e Fidelity Charitable. Quest’ultima ha dichiarato di aver ricevuto donazioni per 106 milioni di dollari in valuta digitale a partire dal 2015.

Non è la prima volta che UNICEF si interessa al mondo blockchain, lo scorso dicembre aveva infatti annunciato un investimento complessivo di 100mila dollari in sei diverse blockchain startup che si focalizzavano sul trovare soluzioni innovative alle sfide sempre più incalzanti del nuovo mondo digitale.